11.2 C
Lecce
sabato, Aprile 20, 2024

Il nazionalismo è ben diverso dal razzismo

Da Leggere

Flavio Carlino
Flavio Carlinohttp://ilgiornaledelsalento.it
Avvocato e Dottore Commercialista Pubblicista

Papa Francesco ha parlato di una «eccessiva rivendicazione di sovranità da parte degli Stati» che quando degenera in un «nazionalismo conflittuale», produce «razzismo o antisemitismo».

V’è, poi, chi è convinto che il nazionalismo abbia origini del tutto simili al razzismo, trovando giustificazione, tale sommario pensiero, nella semplice esistenza di confini geografici, di una lingua o di una religione in comune o, più semplicemente, di una pietanza, ragion per cui se mangi patate sei tedesco, se mangi pasta sei italiano, se sei islamico sei arabo e così via. Secondo questa corrente di pensiero il conflitto israelo-palestinese sarebbe dovuto a idee nazionaliste, di fatto non è per nulla territoriale, ma ideologico-religioso. Se così fosse, perfino il tifo per una squadra rientrerebbe nei canoni del pensiero nazionalista.

Così sul parallelismo “razzismo/nazionalismo”, attualmente imperante, se ne dicono di tutti i colori. Ma, forse, non è come sembra. La storia insegna.

Il razzismo si consuma laddove c’è lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, di un popolo su un popolo. Esso risiede nelle mire imperialiste di intere nazioni, come la Francia sull’Africa, l’Inghilterra sull’India, la Germania nazista sull’Europa, l’Europa sull’America, dove si è consumato il peggior olocausto della storia, quello dei nativi americani, che ha contato 114 milioni di morti in 5 secoli. Il razzismo abita dove governa ogni sorta di autoritarismo e con esso convive.

Fino a poco tempo fa era sufficiente considerare “l’altro” come un “diverso”, dove il significato di questo lemma era quello di “essere inferiore”, “reietto”. L’oppressione, e nei casi più gravi la soppressione, era il prezzo che gli indigeni dovevano pagare per la “modernizzazione” introdotta dal popolo conquistatore, il quale aveva diritto ad insediarsi in quella terra e sfruttarne le ricchezze in quanto “essere superiore”. Questo è il razzismo. Una prassi sociale, spesso politica, che è assurta a ideologia ed ha fatto milioni di morti. Ad uccidere è la discriminazione, l’intolleranza, l’apartheid, non il nazionalismo. Esso è recupero di identità. Più semplicemente, è l’uscita dall’internazionalismo di origine proletaria e dal globalismo economico: in termini più semplici, dal sovversivismo e dall’anarchia.

Il razzismo è guerra, attacco, offesa. Il nazionalismo è difesa dei propri confini, della propria terra, non della propria etnia. Il nazionalismo sta dalla parte degli ebrei, degli indiani d’America, degli africani e degli indiani che per secoli hanno subito soprusi, perché esso non sfrutta, non aggredisce, non uccide: unicamente, difende. Razzista è chi invade, chi uccide, qualunque sia il metodo adottato, non chi è invaso e depredato: quest’ultimo è nazionalista.

La relazione tra schiavo e nazionalista, entrambi vittime dell’invasore, è affine ed esattamente contraria a quella che intercorre tra razzismo e nazionalismo. La differenza tra i primi due è nel grado di civilizzazione: lo schiavo tenta di difendere i propri confini e diventa nazionalista quando riesce a scacciare l’invasore e a liberarsi dalle catene dello sfruttamento. Il nazionalista può, a sua volta, divenire invasore e, quindi, razzista. Il confine è labile, la differenza sostanziale.

Tra il nazionalismo e il razzismo vi è un gran vuoto, un precipizio, che non può essere superato se non con un’azione spregevole come quella dell’invasione dei confini altrui, basata su una consapevole ed ignobile idea di superiorità o di irrazionale arroganza: quella che rende il nazionalista schiavo nel tentativo, non belligerante, di difendere i propri confini. Amare la propria patria non è razzismo, sfruttare quella degli altri lo è. Ecco perché il nazionalismo e ben diverso dal razzismo.       

Ultime News

Lecce, Campionato interprovinciale scacchi giovanile U18

Rione Santa Rosa APS Lecce organizza domenica 21 aprile il Campionato Giovanile Interprovinciale  Lecce-Brindisi 2024, valido per le qualificazioni...