11.2 C
Lecce
venerdì, Giugno 21, 2024

L’Italia dalle cento tasse

Da Leggere

Flavio Carlino
Flavio Carlinohttp://ilgiornaledelsalento.it
Avvocato e Dottore Commercialista Pubblicista

Gli italiani pagano ogni anno, spalmati su “100 tasse” (imposte, accise, addizionali, sovraimposte,  ecc.), un importo medio di circa 8 mila euro che sale a quasi 12 mila includendo i contributi previdenziali. Le imposte che danno all’Erario il maggior gettito sono due: Irpef e Iva. Esse garantiscono allo Stato più della metà del gettito erariale (circa il 53%); in particolare la prima produce entrate superiori ai 160 miliardi di euro pari a circa il 33% del gettito, mentre la seconda, con i suoi 97 miliardi di euro, rappresenta circa il 20% di esso.                                                         

Ad un sistema tributario fortemente frammentato, però, corrisponde un gettito concentrato in poche tasse: solo le prime 10 (per gettito) valgono circa 420 miliardi di euro e garantiscono l’87% del gettito tributario complessivo di circa 482 miliardi di euro. Come già detto, Irpef e Iva sono le prime due, le altre 8 sono: Imposta su energia elettrica e fonti rinnovabili, addizionale comunale irpef, addizionale regionale irpef, imposta sul lotto e le lotterie, imposta di bollo, Pra, imposta sui tabacchi, tasse auto.                                                                           

Per le aziende le imposte che pesano di più sono l’Ires (Imposta sul reddito delle società), e l’Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) che valgono, ognuna, circa 30 miliardi di gettito (per l’Irap 20 miliardi a carico delle imprese e 10 a carico delle Pubbliche Amministrazioni). Le imprese, quindi, solo per queste due imposte, pagano 50 miliardi di euro. Inaudito! La statistica economica ci dice che nell’ultimo ventennio le tasse pro-capite pagate dagli italiani sono aumentate del 77%, contro un aumento dell’inflazione del 47%, con ovvie conseguenze sul potere di acquisto dei redditi.                        

Ma, se questo può consolare, l’Italia risulta solo al quinto posto per peso delle tasse nell’Unione Europea. Dal confronto con i principali paesi europei emerge che la pressione fiscale più elevata si registra in Francia col 48% del Pil. Seguono il Belgio con il 46,8%, l’Austria con il 44,3% e la Svezia con il 44%. Al quinto posto c’è l’Italia, con una pressione fiscale di circa il 43,5%. La media dei 28 Paesi Ue, invece, si è stabilizzata al 39,9%; 3,6 punti in meno rispetto all’Italia. Tutto questo si traduce in un maggiore esborso rispetto alla media europea di circa € 1000 in più all’anno, sacrificio che non corrisponde ad un pari livello di servizi rispetto alla media europea. 

In altre parole meno tasse e più servizi, in modo che il Paese rilanci la ripresa sui tassi, in linea con quelli dell’Europa che, secondo le ultime previsioni della Commissione Europea, viaggerà a un ritmo nettamente superiore a quello dell’Italia.     

Ecco l’elenco in ordine alfabetico:                                                                                                               1 – Addizionale comunale sui diritti d’imbarco di passeggeri sulle aeromobili
2 – Addizionale comunale sull’Irpef
3 – Addizionale erariale tassa automobilistica
4 – Addizionale regionale all’accisa sul gas naturale
5 – Addizionale regionale sull’Irpef
6 – Bollo auto
7 – Canoni su telecomunicazioni e Rai Tv
8 – Cedolare secca sugli affitti
9 – Concessioni governative
10 – Contributo Ambientale Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi)
11 – Contributi concessioni edilizie
12 – Contributi consorzi di bonifica
13 – Contributo SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei Rifiuti)
14 – Contributo solidarietà sui redditi elevati (sui redditi superiori a € 300.000, fino al 2016)
15 – Contributo SSN sui premi RC auto
16 – Contributo unificato di iscrizione a ruolo
17 – Contributo unificato processo tributario
18 – Diritto Albo Nazionale Gestori Ambientali
19 – Diritti archivi notarili
20 – Diritti catastali
21 – Diritti delle Camere di commercio
22 – Diritti di magazzinaggio
23 – Diritti erariali su pubblici spettacoli                                                                                                       24 – Diritti per contrassegni apposti alle merci
25 – Diritti SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori)
26 – Imposta catastale
27 – Imposta di bollo
28 – Imposta di bollo sui capitali all’estero
29 – Imposta di bollo sulla secretazione dei capitali scudati
30 – Imposta di registro e sostitutiva
31 – Imposta di scopo
32 – Imposta di soggiorno
33 – Imposta erariale sui aeromobili privati
34 – Imposta erariale sui voli passeggeri aerotaxi
35 – Imposta ipotecaria
36 – Imposta municipale propria (Imu)
37 – Imposta per l’adeguamento dei principi contabili (Ias)
38 – Imposta plusvalenze cessioni azioni (Capital gain)
39 – Imposta provinciale di trascrizione
40 – Imposta regionale sulle attività produttive (Irap)
41 – Imposta regionale sulla benzina per autotrazione
42 – Imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili
43 – Imposta sostitutiva imprenditori e lavoratori autonomi regime di vantaggio e regime forfetario agevolato
44 – Imposta sostitutiva sui premi e vincite
45 – Imposta sulla sigaretta elettronica ( Imposta di consumo sui prodotti succedanei dei prodotti da fumo)
46 – Imposta su immobili all’estero
47 – Imposta sugli oli minerali e derivati
48 – Imposta sugli spiriti (distillazione alcolica)
49 – Imposta sui gas incondensabili
50 – Imposta sui giuochi, abilità e concorsi pronostici
51 – Imposta sui tabacchi
52 – Imposta sul gas metano
53 – Imposta sul gioco del Totocalcio e dell’ Enalotto
54 – Imposta sul gioco Totip e sulle scommesse Unire
55 – Imposta sul lotto e le lotterie
56 – Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef)
57 – Imposta sul valore aggiunto (Iva)
58 – Imposta sulla birra
59 – Imposta sulle assicurazioni
60 – Imposta sulle assicurazioni Rc auto
61 – Imposta Regionale sulle concessioni statali dei beni del demanio e patrimonio indisponibile
62 – Imposta sulle patenti
63 – Imposta sulle riserve matematiche di assicurazione
64 – Imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax)
65 – Imposta sull’energia elettrica
66 – Imposte comunali sulla pubblicità e sulle affissioni
67 – Imposte sostitutive su risparmio gestito
68 – Imposte su assicurazione vita e previdenza complementare
69 – Imposte sul reddito delle società (Ires)
70 – Imposte sulle successioni e donazioni
71 – Maggiorazione IRES Società di comodo
72 – Imposta sostitutiva sulla rivalutazione dei beni di proprietà delle aziende
73 – Proventi dai Casinò
74 – Imposta sostitutiva rivalutazione del TFR
75 – Ritenute sugli interessi e su altri redditi da capitale
76 – Ritenute sugli utili distribuiti dalle società
77 – Sovraimposta di confine su gas incondensabili (di prodotti petroliferi e su gas resi liquidi con la compressione)
78 – Sovraimposta di confine su gas metano (confezionato in bombole o altri contenitori, usato come carburante per l’autotrazione e come combustibile per impieghi diversi da quelli delle imprese individuali artigiane)
79 – Sovraimposta di confine sugli spiriti
80 – Sovraimposta di confine sui fiammiferi
81 – Sovraimposta di confine sui sacchetti di plastica non biodegradabili
82 – Sovraimposta di confine sulla birra
83 – Sovrimposta di confine sugli oli minerali
84 – Tassa annuale sulla numerazione e bollatura di libri e registri contabili
85 – Tassa annuale unità da diporto
86 – Tassa erariale sulle merci imbarcate e sbarcate nei porti, rade e spiagge dello Stato
87 – Tassa emissione di anidride solforosa e di ossidi di azoto
88 – Tassa erariale e sbarco merci trasportate per via aerea
89 – Tassa occupazione di spazi e aree pubbliche TOSAP (comunale)
90 – Tassa portuale sulle merci imbarcate e sbarcate nei porti dello Stato
91 – Tassa regionale di abilitazione all’esercizio professionale
92 – Tassa regionale per il diritto allo studio universitario
93 – Tassa smaltimento rifiuti (TARI)
94 – Tassa sulle concessioni regionali
95 – Tassazione addizionale stock option settore finanziario
96 – Tasse e contributi universitari
97 – Tasse scolastiche (iscrizione, frequenza, tassa esame, tassa diploma)
98 – Tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell’ambiente
99 – Tributo per i servizi indivisibili (TASI)
100 – Tributo speciale discarica

L’eliminazione delle 90 tasse che rendono solo il 13% del gettito erariale sarebbe una buona soluzione, perché ciò consentirebbe una reale semplificazione del sistema tributario, senza doversi chiedere se i 63 miliardi di gettito da esse apportato non rappresenti un importo inferiore alle spese sostenute per produrlo.

Ultime News

21 giugno: solstizio d’estate e festa di San Luigi

  Giugno, come tutti sanno, porta l’estate. Questa stagione, che ci richiama alla mente calde e lunghe giornate afose, ha...