11.2 C
Lecce
domenica, Aprile 21, 2024

C’era una volta…la vigilia di Natale

Da Leggere

Era la vigilia di Natale nel cuore del Salento, nel sud della Puglia. I stretti dei piccoli paesi erano illuminati da luci scintillanti e addobbi natalizi, creando un’atmosfera magica e ed unica che avvolgeva ogni angolo.

Nel pomeriggio, le famiglie si affrettavano a preparare l’ultima cena prima della festa e i profumi del cibo tradizionale salentino si diffondevano per le vie. Nelle cucine, le donne intonando canti natalizi, preparavano con dedizione i piatti tipici della vigilia di Natale. Le chiese antiche, illuminate da candele e lampade, erano pronte ad accogliere i fedeli per la messa di mezzanotte.

Le famiglie si riunivano per la tradizionale cena, con tavolate imbandite di ogni squisitezza locale.  Il profumo di pesce e frutti di mare freschi si mescolava con quello dei dolci appena sfornati, creando un’armonia di sapori che rendeva la cena un momento unico e magico. Dopo la cena, molte famiglie si dirigevano verso le piazze dei paesi, ravvivate da spettacoli e rappresentazioni viventi della Natività. I bambini, con gli occhi pieni di meraviglia, osservavano il presepe vivente, mentre i genitori ammiravano la maestria degli artigiani locali che avevano contribuito a creare opere d’arte uniche. Si aveva la sensazione che il tempo si fermasse in uno scatto istantaneo denso di religiosità popolare.

La mezzanotte si avvicinava, e la campana della chiesa del paese annunciava l’arrivo del momento più atteso: la messa di Natale. Le famiglie si dirigevano in chiesa, illuminando la notte con lanterne e candele. La cerimonia era una miscela di devozione e gioia, con canti natalizi che risuonavano nelle navate e l’immancabile Tu scendi dalle stelle!

Finita la messa, le famiglie tornavano a casa in fila indiana, in un’atmosfera piena di calore e affetto. Si scambiavano auguri, regali e abbracci, celebrando l’amore e la condivisione che il Natale rappresenta. In molte case, le tradizionali “tarantelle” risuonavano, e giovani e anziani si univano per ballare e cantare insieme, creando un momento di gioia e festa che sarebbe rimasto impresso nei cuori di tutti.

Con Gesù deposto nella mangiatoia del presepe della propria casa, ci si addormentava sognando un “Natale che vorrei” per sempre.

Ultime News

Meglio soli? Forse no!

Quando penso che più passa il tempo e più le cose peggiorano, mi chiedo come mai. Perché le cose...