11.2 C
Lecce
domenica, Aprile 14, 2024

Al Politeama Greco di Lecce: “Mi separo”, commedia brillante

Da Leggere

Quasi sold-out la prima data di Mi Separo, nota commedia brillante della Compagnia Piccola Ribalta di Bari: la produzione annuncia la replica dello spettacolo che si terrà sempre il prossimo 7 gennaio alle 21. La prima rimane fissata per il 7 gennaio prossimo al Politeama Greco di Lecce, sipario ore 18.

Mi Separo – La commedia

Genere: comico

Regia: Franco Spadaro, scenografia Gianna Pellicciaro

Attori: Franco Spadaro, Simonetta Paolillo, Valentina Gadaleta

Durata: 90 minuti

La prima causa del divorzio è il matrimonio, cita un famoso aforisma di Groucho Marx, confermata dai due protagonisti ossidati da 36 anni di matrimonio attraverso le loro feroci discussioni, nell’intimità delle mura domestiche prima e davanti ad una psicologa dopo. La storia mette un po’ a nudo le dinamiche della vita matrimoniale rivelandone i malesseri. Incomprensioni che sfociano in divertenti scambi di battute, dal sapore decisamente poco inglese, che raccontano il disagio della vita coniugale e che li porterà ad affrontare la terapia di coppia per scongiurare il divorzio con la complicità del pubblico. Parafrasando Marx è d’obbligo un’altra delle sue battute: Il Matrimonio è un Istituto meraviglioso, ma chi vorrebbe vivere in un Istituto?

Franco (Franco Spadaro) e Simonetta (Simonetta Paolillo), coniugi da 33 anni, vivono la loro convivenza costantemente a disagio, a causa dei continui litigi, delle situazioni monotone che affrontano e della loro mancanza di comunicazione. La donna, disperata e ormai quasi orientata verso la separazione, sceglie, come ultima spiaggia per salvare il proprio rapporto, di contattare e invitare in casa propria una psicologa (Valentina Gadaleta) specializzata in terapie di coppia. La seduta con la psicanalista non porterà tuttavia vantaggi: anche con lei presente i due sposi continueranno a battibeccare, sottolineando nel dettaglio le situazioni private che hanno portato al declino: dalla pigrizia di lui in contrasto con l’iperattività di lei, all’incapacità di intendersi nel quotidiano, fino ai problemi nella loro sfera “più intima”. La rappresentazione funziona e provoca ilarità, soprattutto grazie al processo di immedesimazione che suscita negli spettatori. Le battute, molto incalzanti, ben si intersecano in uno show che alterna i dialoghi ai monologhi, sfogo dell’unico uomo in scena. Le situazioni comiche del matrimonio e della coabitazione rappresentano il fulcro, attorno al quale però ruotano altri argomenti come le differenze tra uomini e donne, l’utilizzo di internet e dei social network da parte di chi è più in là con gli anni e i mestieri del terzo millennio. La “quarta parete” viene poi continuamente rotta, un po’ perché gli attori stessi si rivolgono alla platea con diversi espedienti, un po’ perché è il pubblico stesso a farsi fragoroso e a intervenire in più frangenti, anche solo per rispondere alla domanda ricorrente a loro rivolta: “Ma quindi, pure a voi succede?”. In conclusione, lo show è consigliato, sperando tuttavia di non “uscirne single”, come recita ironicamente la locandina dello spettacolo.

Biglietti disponibili sul circuito vivaticket.com

Ultime News

Ballano il ‘Gioca Jouer’ durante una sessione di autopsia. Il video che fa discutere e scatena una bufera social

Medici legali che ballano e cantano davanti un cadavere. Una sessione sopra le righe di 'Live Autopsy' si è...