11.2 C
Lecce
lunedì, Giugno 24, 2024

Giornata mondiale dell’abbraccio, origine e curiosità

Da Leggere

Oggi si celebra una giornata speciale e ‘affettuosa’,  dedicata a un gesto tanto semplice quanto potente che crea in maniera unica e irripetibile connessione ed empatia tra le persone: parliamo della giornata mondiale dell’abbraccio.  L’idea di dedicare un’intera giornata è nata per promuovere amore, affetto e connessione tra le persone di tutto il mondo. Creata per celebrare la bellezza di un  gesto semplice ma significativo, la sua data di nascita  risale al 21 gennaio 1986, quando il reverendo Kevin Zaborney, un terapeuta americano, ha lanciato per la prima volta la sfida  di dedicare una giornata all’abbraccio.La scelta del 21 gennaio non è casuale: è un giorno in cui le festività natalizie sono ormai passate, le giornate sono buie e fredde per l’inverno e di conseguenza  molte persone soffrono solitudine e tristezza. L’abbraccio diventa così un modo per diffondere calore e affetto in un periodo dell’anno in cui queste emozioni sono particolarmente significative.

Ricordiamo alcune curiosità. Le origini sono molte antiche: in effetti, nonostante la giornata mondiale sia stata istituita nel 1986, l’atto dell’abbraccio ha origini antiche ed è stato praticato nelle culture di tutto il mondo come simbolo di amore e legame  tra gli uomini. Record mondiale: Il Guinness dei Primati registra anche alcuni record mondiali: uno dei record più impressionanti è stato stabilito nel 2010 a Londra, quando un gruppo di 10.554 persone si è riunito per il più grande abbraccio di gruppo. L’abbraccio degli alberi: noto anche come “tree-hugging” in inglese, è una pratica che coinvolge il contatto fisico con gli alberi per stabilire una connessione con la natura. Questo gesto è spesso considerato un modo per trovare tranquillità e rinnovamento. Terapia dell’abbraccio: oggetto di studi scientifici e viene spesso utilizzato come forma di terapia nota come “abbracciamento terapeutico” o “cuddling therapy”. Si crede che possa aiutare a ridurre lo stress, l’ansia e migliorare il benessere emotivo complessivo. Benefici per la salute: gli abbracci possono avere numerosi benefici per la salute. Studi scientifici hanno dimostrato che l’abbraccio può ridurre la pressione sanguigna, abbassare i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) e aumentare i livelli di ossitocina (l’”ormone dell’amore” che promuove il benessere emotivo). Abbracci degli animali: non sono solo gli esseri umani a beneficiare degli abbracci, ma anche molti animali, come cani, gatti e scimpanzé, lo praticano come forma di interazione sociale e dimostrazione di affetto tra membri della stessa specie. Abbracci virtuali: con l’avvento delle tecnologie moderne, sono stati sviluppati modi per inviare abbracci virtuali. Esistono applicazioni e dispositivi che consentono alle persone di inviare abbracci digitali o di simulare la sensazione di un abbraccio attraverso feedback tattili. Di gruppo: gli abbracci di gruppo, noti anche come “abbracci collettivi” o “abbracci di massa”, sono eventi in cui un gran numero di persone si riunisce per abbracciarsi contemporaneamente. Questi eventi promuovono l’unità, la connessione e l’amore tra le persone. Spontaneo: gli abbracci spontanei, dati senza alcun motivo particolare, possono avere un effetto sorprendentemente positivo sulla giornata di qualcuno. Come linguaggio non verbale: l’abbraccio è considerato un potente linguaggio non verbale. Può trasmettere un’ampia gamma di emozioni, come amore, gioia, conforto, gratitudine e solidarietà, senza bisogno di parole.

Una giornata insomma che fa sentire meno soli, meno tristi, che permette inoltre di celebrare la diversità culturale al di là dei confini culturali o nazionali; è un invito a diffondere l’amore per l’umanità, in quanto attraverso l’abbraccio, possiamo esprimere empatia, compassione e solidarietà verso gli altri.

Ultime News

“Inside Out 2”, colorato e delicato viaggio nei territori dell’adolescenza

di Sergio PERUGINI https://www.youtube.com/watch?v=HYv4NEbO2Ok   Tra i sorrisi si fa largo uno sguardo attento sul difficile cammino della crescita. Parliamo del nuovo...