11.2 C
Lecce
venerdì, Giugno 21, 2024

Cutrofiano in festa per Sant’Antoni te le focare

Da Leggere

La luce dei piccoli falò disseminati fra i crocicchi delle vie, mentre si diffondono i suoni e le voci dell’Orchestra Popolare La Notte della Taranta. Oggi 17 febbraio, Cutrofiano è pronto a rivivere la festa di “Sant’Antoni te le focare”, atteso appuntamento tra folclore, tradizione e devozione, che si inserisce nell’ampio panorama dei riti del fuoco.

Promosso dal Comune di Cutrofiano, con il patrocinio, tra gli altri, della Provincia di Lecce, il programma di celebrazioni religiose e civili dedicato a Sant’Antonio da Padova è stato presentato a Palazzo Adorno, a Lecce.

Sono intervenuti ad illustrare i dettagli della festa il presidente della Provincia Stefano Minerva, il sindaco del Comune di Cutrofiano Luigi Melissano, l’assessore alla Cultura Maria Lucia Colì e il presidente della Pro Loco Marco Forte.

Abbiamo voluto organizzare la presentazione in Provincia perché questa manifestazione è divenuta un appuntamento che va al di là dei confini comunali. E’ una bellissima esperienza di valorizzazione di una tradizione popolare, che è diventata un evento di riferimento nell’inverno salentino, perché racconta il legame religioso con il Santo unito al rito del fuoco, con la capacità di mettere insieme attori territoriali che raccontano il meglio delle nostre tradizioni”, ha dichiarato in apertura il presidente Stefano Minerva.

La festa a 360 gradi, la festa diffusa che coinvolge tutto l’abitato”, come l’ha definita il sindaco Luigi Melissano, “unisce religiosità popolare e affezione al Santo con un momento di festa comune, che è più di un’attrattiva turistica, è una rinascita annuale”.

Quest’anno la festa ha un maggiore “impatto” perché la comunità di Cutrofiano accoglierà le reliquie di Sant’Antonio da Padova, festeggiato sia nella data canonica del 13 giugno, sia il 17 febbraio, giorno che ricorda la grazia dello scampato pericolo dal terremoto. Si racconta, infatti, che il 17 febbraio 1810, il paese fu scosso da un terremoto che non provocò danni. Impauriti, i cutrofianesi si riversarono nelle strade e nelle campagne vicine e, per scaldarsi nella fredda notte d’inverno, accesero alcuni falò.

Da allora, ogni 17 febbraio, gli abitanti di Cutrofiano rinnovano la loro devozione e il loro legame con Sant’Antonio da Padova, accendendo piccoli falò, dopo il passaggio della processione, dando vita ad uno spettacolo molto suggestivo e particolare, con tanti fuochi ai crocicchi delle vie. Quest’anno al passaggio del Santo i falò saranno circa 40.

Sabato 17 febbraio alle ore 19, infatti, dopo la messa, si svolgerà la processione in onore di Sant’Antonio tra le vie cittadine e la benedizione delle “focare”. Al termine sarà acceso il falò più grande, allestito in piazza Municipio. La focara centrale e di comunità quest’anno festeggia i 30 anni dalla prima accensione. Alle 21 lo spettacolo di fuochi pirotecnici e alle 21.30, gran finale con l’esibizione dell’Orchestra Popolare La Notte della Taranta.

Ultime News

21 giugno: solstizio d’estate e festa di San Luigi

  Giugno, come tutti sanno, porta l’estate. Questa stagione, che ci richiama alla mente calde e lunghe giornate afose, ha...