11.2 C
Lecce
martedì, Aprile 23, 2024

Dal 16 al 24 marzo “NO AL RAZZISMO #intuttelelingue4.0”

Da Leggere

Parte da Lecce e, quest’anno, attraversa l’Italia #intuttelelingue4.0, quarta edizione della rassegna che ha come obiettivo quello di promuovere il contrasto ad ogni forma di discriminazione e di favorire il rispetto e la valorizzazione delle differenze culturali, sul territorio salentino e nazionale.

Il progetto è realizzato da Fondazione Emmanuel – Don Francesco Tarantini per le Migrazioni e il Sud del Mondo, in parte*nariato con Associazione Multietnica dei Mediatori interculturali (A.M.M.I.), Coordinamento italiano Sostegno Donne Afghane Onlus (C.IS.D.A.), Co.Dias.Co; Fondazione Alberto e Franca Riva Onlus; L’Altra Napoli, Human first.it, Espera Società Cooperativa, Csv Brindisi-Lecce, La Fabbrica dei Gesti.

Quest’anno fil rouge del progetto è l’antidiscriminazione declinata in tutte le sue forme, in continuità con l’Articolo 3 della Costituzione Italiana: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. 

Un messaggio che verrà trasmesso attraverso una campagna di “guerrilla marketing”, incontri culturali aventi come focus la letteratura, accompagnati da un prodotto finale realizzato con l’utilizzo dei linguaggi audiovisivi: video-documentario, podcast, fotografia.

Non solo Lecce, quest’anno la campagna #intuttelelingue4.0, finanziata dall’Unar, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e inserita all’interno della XX Settimana d’azione contro il razzismo, tocca tutto il territorio nazionale, in particolare le città di Napoli, Roma, Torino e Milano, coinvolgendo, con una strategia virale, più di 20mila giovani, studenti, cittadini italiani e di origine straniera con un particolare coinvolgimento delle giovani generazioni (giovani di seconda e terza generazione) in azioni culturali e sinergiche che contribuiranno a diffondere il valore positivo della diversità, prevenire il fenomeno dell’intolleranza e migliorare le relazioni interculturali.

In programma giornate di studio con presentazione di libri sul tema dell’anti-discriminazione e la facilitazione di un dialogo di comunità, la realizzazione di un video-documentario partecipativo sul processo attivato grazie alla campagna, l’azione di guerrilla marketing che colorerà le città con gli stickers “NO AL RAZZISMO #intuttelelingue4.0”, la realizzazione e diffusione di un podcast in cui giovani italiani e stranieri si raccontano, intrecciando le proprie storie con i temi delle differenze e dell’anti-discriminazione partendo da estratti della letteratura selezionata. 

Nello specifico, il cuore della campagna sarà la realizzazione di sei giornate-studio a Lecce, Napoli, Roma, Torino, Milano, durante le quali verranno presentati alcuni libri selezionati che trattano temi chiave dell’anti-discriminazione, con specifica declinazione su: mediazione interculturale e linguistica, migrazioni, donne e genere, dialogo interreligioso, lavoro e diritti umani. 

A dare il “la” alla settimana di azione contro il razzismo, la coloratissima campagna di guerrilla marketing “NO AL RAZZISMO #Intuttelelingue4.0”, diffusa attraverso le Reti del partenariato con il coinvolgimento di associazioni di giovani, istituti scolastici, università, istituzioni pubbliche ed esercizi commerciali, invitati ad esporre gli sticker e a condividere sui social l’adesione.

Il programma prende via, sabato 16 a Roma, presso Spin Time con una Conversazione collettiva “VERSO UN NUOVO GIORNO” sulla resistenza delle donne attiviste afghane con giovani studenti del corso di laurea in Global Governance dell’Università Tor Vergata.

Penseremo insieme al futuro con l’idea di un “Nuovo Giorno” in vista del festeggiamento del Nowruz attraverso diversi linguaggi: poesia, cartapesta, musica, danze, rito del tè samovar e tanto altro. Verrà presentato il dossier “i diritti negati delle donne afghane” a cura di CISDA – Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane. L’incontro è stato sognato, pensato, coordinato, facilitato da Francesca Patrizi, Antonella Garofalo, Morteza Khaleghi, Andrea Zampetti, Stefano Galieni, Zara Kian, Kirsten Kartscher, Sabera Yousefi, Jessica Birtwitle, Sory Dembele, Stefania Gualtieri, Luana Duma, Marty Pugno e Sabera chighbaf, Maryam Barak, Farzana Farasu, Nazanin Barekzai

Da lunedì 18 a giovedì 21a Surbo, in programma “Un Mondo di Emozioni”, giornate studio con gli studenti e le studentesse della scuola primaria “Vincenzo Ampolo” dove, attraverso dinamiche laboratoriali, si parlerà di antidiscriminazione, gestione del conflitto e intercultura.

Mercoledì 20 e giovedì 21, la rassegna fa tappa a Milano, giornata di studio “OLTRE I CONFINI” Conversazione collettiva partendo dall’articolo 3 della Costituzione Italiana con l’intervento di Gaia Giustiniani e Iacopo Imberti di ASGI, Fondazione Emmanuel e A.M.M.I.

Dibattito sul lungometraggio “OLTRE IL CONFINE” diretto da Alessandro Valenti, premiato al “Fifem” festival di Montreal e presentato al Giffoni Film Festival

 Venerdì 22, tappa a Torino e Napoli. Presso la sede dell’associazione Ammi (Associazione multietnica mediatori interculturali), a Torino, in programma una giornata di studio con Adel Jabbar, sociologo dei processi migratori e relazioni transculturali, autore di “Paesaggi interculturali nella terra di mezzo”.

Nel capoluogo campano, presso la Casa della Musica, in programma una giornata di studio facilitata da educatori ed educatrici sul libro di Giovanni Caccamo “Il manifesto del cambiamento”, iniziativa animata dell’orchestra e coro dei bambini dell’associazione Sanitansamble.

 Sabato 23 e domenica 24, #intuttelelingue4.0 si chiude a Lecce. Sabato 23, in mattinata, presso Casa Comune, in via Don Bosco a Lecce, “In spirale verso il centro”, un evento di scoperta, accoglienza e rispetto del proprio corpo attraverso linguaggi olistici a cura di Sol Liva, Pachamama Studio. Nel pomeriggio presso la Biblioteca Bernardini, in programma “Agorà” organizzato dall’ass. To.Play “Focus Youth Work”, una matrioska, o un’organizzazione ombrello, che coinvolge enti come Puglia Women Lead, YouthMed, MOH, Eurosud, il gruppo informale degli youth worker della Rete Giovani Puglia: Galattica, LINK, Venti di Scambio, Giocatori Senza Frontiere, Kreattiva e tante altre organizzazioni attive in Puglia nel settore di Erasmus+ e European Solidarity Corps. Un evento pensato per mettere in relazione tutti gli agenti dell’attivazione giovanile e valorizzare un percorso orientato al riconoscimento dello youth working nell’accoglienza e i processi di inclusione.

 Domenica 24, presso Masseria Tagliatelle, si inaugura lo sportello “Accoglienza e Inclusione- Ninfeo Welcome” a cura di Seyf – South European Youth Forum, nel corso di una giornata di studio con Nancy Porsia autrice di “Mal di Libia”, Alberto Maritati autore di “Conoscere La Costituzione Italiana” e Eliana Augusti autrice di “ABITARE” facilitato da David Meza-Pretelt, giornalista e Stefania Gualtieri, vicepresidente di Fondazione Emmanuel.

Ultime News

San Giorgio, “cavaliere cavarcante cu’ la spada ‘ccidisti lu sarpente”

Su questo santo di origine orientale la Chiesa non dispone di notizie certe e tuttavia non ha vietato di...