11.2 C
Lecce
domenica, Maggio 19, 2024

Veronica Congedo del ‘Liceo Vallone’ di Galatina finalista alle Olimpiadi di italiano

Da Leggere

In occasione della finale nazionale della 13ma edizione delle Olimpiadi di italiano, una giovane studentessa di Galatina  è nella finale. Veronica Congedo, studentessa al  quarto anno del Liceo scientifico e linguistico “Vallone” di Galatina, dopo aver ottenuto  un eccellente e meritato primo posto nella classifica regionale della Puglia per la categoria “Senior”, con il miglior risultato e un ottimo tempo, ora è pronta per l’ultima prova.

Per la scheda di presentazione di Veronica Congedo clicca qui 

La competizione si svolgerà giovedì 18 aprile presso l’Istituto d’istruzione superiore “Adriano Tilgher” di Ercolano, in provincia di Napoli, durante le “Giornate della lingua italiana”.

Si legge sulla pagina Facebook dell’Istituto  “Orgogliosi di annunciare il gran bel traguardo conseguito dalla nostra studentessa, 𝗩𝗲𝗿𝗼𝗻𝗶𝗰𝗮 𝗖𝗼𝗻𝗴𝗲𝗱𝗼, classe 𝟰^𝗕𝗦, che ha riportato un prestigioso 𝟭^ 𝗽𝗼𝘀𝘁𝗼 nella fase regionale dei 𝘊𝘢𝘮𝘱𝘪𝘰𝘯𝘢𝘵𝘪 𝘥𝘪 𝘪𝘵𝘢𝘭𝘪𝘢𝘯𝘰! L’intera comunità del Liceo A. Vallone – Galatina è pronta a sostenere la sua studentessa nella disputa della 𝗴𝗮𝗿𝗮 𝗳𝗶𝗻𝗮𝗹𝗲 che si terrà il 𝟭𝟴 𝗮𝗽𝗿𝗶𝗹𝗲 a 𝗘𝗿𝗰𝗼𝗹𝗮𝗻𝗼! Ancora complimenti alla nostra Veronica e…#avantitutta”.

Con il suo straordinario risultato nella fase regionale e la sua partecipazione alla finale nazionale delle Olimpiadi di italiano, Veronica Congedo si è distinta come esempio di eccellenza e impegno. Il sostegno e l’orgoglio della comunità del Liceo A. Vallone di Galatina sono un segno tangibile e significativo dell’importanza dell’istruzione e della valorizzazione della nostra lingua e cultura. Che Veronica porti avanti con fierezza il suo percorso, sapendo che il suo successo è una fonte di gioia per tutti noi! In bocca al lupo per la finale, Veronica!

#La perseveranza è il segreto di tutte le conquiste. Victor Hugo

Ultime News

Censura immaginaria: vittimismo o strategia?

  Quando Saviano iniziò non si era ancora a questo punto. Roberto subì la condanna e si rifece assurgendo a...