11.2 C
Lecce
sabato, Maggio 25, 2024

Rassegna ‘Ci vuole un fiore – famiglie a teatro’ a Novoli con “Caro Lupo”

Da Leggere

Prosegue la rassegna Ci vuole un fiore – famiglie a teatro promossa da Factory Compagnia Transadriatica nel progetto Teatri del nord SalentoDomenica 21 aprile (ore 17:45 – ingresso 8/6 euro) al Teatro Comunale di Novoli, la compagnia milanese Drogheria Rebelot proporrà “Caro lupo” con Miriam CostamagnaAndrea Lopez Nunes e Giacomo Occhi per la regia, drammaturgia e cura dell’animazione Nadia Milani (3/8 anni). Prima dello spettacolo (ore 16:30 – ingresso gratuito con prenotazione 3207087223) spazio a “Il gioco delle ombre” un laboratorio di narrazione visiva collettiva a cura di BlaBlaBla. Info e prenotazioni 3208607996|3207087223|3403129308 


LO SPETTACOLO
Caro Lupo” è l’inizio di una lettera che ha il sapore di una fiaba. In una buffa casa in mezzo al bosco si sono appena trasferiti la mamma, il papà e Jolie, una bambina coraggiosa con una fervida immaginazione. Jolie ama le costellazioni, il suo inseparabile orso di pezza Boh e le cose che fanno un po’ paura. I suoi genitori sono eccentrici e in molte faccende affaccendati, quindi non le credono quando la bambina nota una presenza insolita provenire dal bosco, che la affascina e la terrorizza insieme. E quando Boh scompare, Jolie decide di partire alla sua ricerca verso l’ignoto, si addentra nel bosco, si imbatte in ombre scure e quando pensa di essersi perduta per sempre, Nonno Nodo e Nonna Corteccia le regaleranno la chiave per affrontare la paura. Perché essa si può addomesticare e, se guardata da vicino, sa diventare piccola e preziosa. Dipende sempre dal nostro sguardo su di lei.

NOTE DI REGIA
«Quando ero piccola vivevo in una grande casa ai confini con un grande bosco. Ricordo perfettamente le emozioni che provavo verso di lui. Quel misto di paura e curiosità che mi coglievano ogni volta che ci entravo. Il sogno ricorrente di perdermi. E il nonno che mi chiedeva “Forza, fammi vedere quanto è grande la tua paura” ed io che spalancavo le braccia più che si può. Incontrare Jolie è stato, per me, tornare ad essere quella bambina. Ed è così che inizia questa storia», sottolinea la regista Nadia Milani. 
«Il linguaggio della fiaba diviene il nostro mezzo, il Lupo è archetipo che da sempre simboleggia il sentimento della paura. La protagonista è una bambina, Jolie, con cui i nostri piccoli spettatori e le nostre piccole spettatrici potranno empatizzare e in cui potranno immedesimarsi come se vivessero la favola in prima persona. Proveranno paura con lei, per lei ed insieme a lei la supereranno. La drammaturgia trova inizio in una lettera che Jolie adulta scrive al Lupo, una lettera appassionata che ci porta nel vivo del racconto, dove le parole vengono accompagnate da immagini che vivono tra proiezioni in ombra e figure animate grazie alla tecnica dell’animazione su nero. La comunicazione si sposta su un altro livello, dove le immagini diventano protagoniste indiscusse della messa in scena», prosegue«Il “nero” diviene quindi contenitore di possibilità infinite, in cui diversi linguaggi possono fondersi in processi di ricerca e sperimentazione. Il buio, quel buio che fa spesso così tanta paura, appare immobile, vuoto, profondo, informe, ma la vita, con tutta la sua potenza, si scatena in un istante. Lo spettacolo si susseguirà con l’alternarsi di due livelli dimensionali, micro e macro, in un continuo cambio di punto di vista. Alle immagini si sovrappongono le parole, la drammaturgia musicale originale e la drammaturgia luminosa che si compone di tagli di luce, di riflessi e di dissolvenze. La fiaba ci accompagna alla scoperta di come il superamento delle nostre paure può farci vedere le cose con altri occhi, perché se abbiamo qualcuno accanto le paure fanno un po’ meno paura e spesso, alla fine, quando si sono fatte piccole piccole, per le nostre paure proviamo un sentimento dolcissimo, quasi un sentimento d’amore».

LA COMPAGNIA
Drogheria Rebelot è una compagnia teatrale con sede a Milano che offre gustosi prodotti teatrali, la cui mescolanza di diversi linguaggi espressivi costituisce l’ingrediente essenziale. La parola “rebelot”, tipicamente milanese, non trova l’esatto termine corrispondente nella lingua italiana. Deriva infatti dal francese ed è stata importata e milanesizzata all’epoca della rivoluzione. Da ‘rebellion’, che vuol dire ‘ribellione’, i milanesi hanno tratto la parola ‘rebelòtt’, che esprime disordine, confusione, o meglio il caos che provoca una ribellione. «Pensiamo che quest’ultimo concetto abbia qualcosa a che fare con noi. Non sappiamo se fare teatro oggi sia da considerare un’azione ribelle (sicuramente può capitare che sia caotico), ma desideriamo che Rebelot sia il nostro manifesto: qualcosa di nuovo e imprevisto che nasce quando meno te lo aspetti e, nonostante il disordine, utilizza lo strumento della creatività per celebrare le infinite possibilità che la vita ha da offrire», sottolinea la compagnia.

LA RASSEGNA
Ci vuole un fiore – Famiglie a teatro fa parte del progetto Teatri del nord Salento, promosso da Factory Compagnia Transadriatica in collaborazione con BlaBlaBla, con il sostegno di Ministero della CulturaRegione PugliaTeatro Pubblico Pugliese, delle amministrazioni comunali di Campi SalentinaGuagnanoLecceLeveranoNovoliTrepuzzi e della Biblioteca OgniBene diLecce.

Ultime News

Al chiostro di Lecce “Dialoghi al pozzo”: “Educare al tempo dell’IA” con Pier Cesare Rivoltella

Anche nella diocesi di Lecce, come ogni anno, nel mese di maggio si celebra la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali con un...