11.2 C
Lecce
domenica, Maggio 19, 2024

Tornano in vita i banchi a rotelle della sinistra

Da Leggere

Vi ricordate i banchi a rotelle che furono acquistati prima dell’inizio dell’anno scolastico 2020-2021 dal Governo Conte per garantire il distanziamento in classe? Quei banchi per i quali Conte e Azzolina stanziarono 119 milioni di euro? Ebbene, quanto siano costati l’uno non è dato sapere, ma ora sono venduti al prezzo simbolico di un euro. Quasi tutti (era ovvio) gli istituti scolastici li giudicò inadeguati e scomodi per l’attività didattica.

Oggi si trovano nei magazzini di Comuni e Province. Tuttavia un piccolo comune del padovano, Bagnoli di Sopra, ha deciso di acquistarne un centinaio, al prezzo di 1 euro ciascuno, accogliendo l’offerta della Provincia di Padova, che ne aveva 600 nei propri magazzini.

“Sono sedie nuove, mai usate, certificate, e certamente adatte al nostro scopo” ha detto al ‘Mattino di Padova’ il sindaco di Bagnoli, Roberto Milan, che stava cercando delle sedute per attrezzare una grande sala riunioni all’interno della ex base militare di San Siro. “Con questo acquisto – ha aggiunto – arriviamo a 400 posti a sedere. Se fossero state comprate nuove avremmo speso molto di più”.

Lo spreco fu così evidente che per la rimozione il Governo, questa volta Draghi, dovette staccare un secondo assegno. Nel dettaglio, il generale Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza, pagò 172.987,08 euro (al netto di IVA) alla ditta di trasporti Jet Air Service Spa, iscritta alla Camera di commercio italo-cinese.

Sullo stanziamento dichiarato dalla Ministra Azzolina vi sono delle ombre. Possibile che siano stati stanziati 119 milioni di euro per 400.000 banchi, quando ne furono ritirati 110.000 dei 180.000 costruiti dalla società portoghese Nautilus per un totale di 20 milioni di euro? A cosa è dovuta la differenza. Non si sa.

Ultime News

Censura immaginaria: vittimismo o strategia?

  Quando Saviano iniziò non si era ancora a questo punto. Roberto subì la condanna e si rifece assurgendo a...