11.2 C
Lecce
mercoledì, Giugno 19, 2024

Casarano e il legame con il santo patrono. San Giovanni Elemosiniere, culto e devozione

Da Leggere

FESTA DI SAN GIOVANNI ELEMOSINIERE, Casarano, 17-18-19-20-21 maggio 2024.
Un binomio inscindibile lega, da oltre un millennio, Casarano al suo Patrono San Giovanni Elemosiniere. Il culto e la devozione nei confronti di questo Santo si perdono nella notte dei tempi tant’é che si può tranquillamente affermare che nascano con la fondazione di Caesaranum Magnum, (l’odierna Casarano) intorno all’anno Mille a discapito della piccola borgata di Casaranello che, invece, da quel momento, andrà a scomparire. Molto forte è l’attaccamento dei Casaranesi al loro celeste custode che gli riservano tre ricorrenze nel corso dell’anno: il 23 gennaio, solennità liturgica, la terza domenica di maggio, festività del Patrocinio e il 31 maggio in occasione della commemorazione del miracolo avvenuto nel 1842. Inoltre il simulacro viene portato in processione anche nella festività della compatrona, la Madonna della Campana, anch’essa molto venerata. La festa di metà maggio rappresenta un appuntamento molto importante nel calendario delle festività patronali del Salento. I solenni festeggiamenti inizieranno l’11 maggio con l’inizio del solenne Settenario di preparazione, in Chiesa madre, dove saranno esposti i due simulacri. Ogni sera ci sarà la celebrazione eucaristica, preceduta dalle litanie giovannee e seguita dalla recita della Coroncina al Santo, il canto del Responsorio latino e la benedizione con la S. Reliquia. Le sere del Settenario saranno animate, a turno, dalle 5 parrocchie cittadine.  Venerdi 17 maggio, dopo la Messa del Settenario, intorno alle 20, si snoderà, dal Palazzo comunale, il corteo delle autorità civili, religiose e militari per l’apertura dei festeggiamenti. Ci si sposterà presso il monumento ai Caduti, in piazza Umberto I, dove l’amministrazione comunale e il comitato deporranno una corona d’alloro e, in quel preciso istante, uno sparo di salve e colpi pirotecnici annunceranno l’apertura dei festeggiamenti. Successivamente il corteo si porterà davanti alla guglia del Santo in piazza San Giovanni in cui, con l’ausilio di un elevatore, il sindaco, l’arciprete e il presidente del comitato, doneranno alla statua del Santo in cima alla guglia un omaggio floreale. La serata continuerà fino a notte con lo spettacolo dei Wakabonga, il team di DJ e spettacoli musicali molto conosciuto fra i giovani.
Sabato 18 maggio, si succederanno S. Messe in Chiesa madre, in particolare verranno benedetti i cosiddetti “panitteddhri” di San Giovanni, piccoli panetti poco più grandi di un bottone che, secondo a tradizione, hanno il potere di allontanare maltempi e temporali. Durante i tre giorni di festa, i panitteddhri vanno a ruba terminando in poco tempo. Un’altra cerimonia, inserita nelle Messe, è l’unzione degli infermi per chi volesse farla. A sera, intorno alle 19, sarà celebrata la solenne concelebrazione officiata da tutti i parroci e sacerdoti della città. Al termine, si snoderà la tradizionale processione con i simulacri dei Santi Patroni accompagnata da tutte le confraternite e associazioni religiose e laicali della città. Al termine, dal sagrato della Chiesa dell’Annunziata, sarà impartita la solenne benedizione alla città con la reliquia. Seguirà l’atteso spettacolo di Valentina Persia, la famosissima comica e barzellettiera. Per venerdì e sabato presterà servizio il Concerto bandistico Città di Taviano che allieterà le serate con marce e pezzo d’opera. La domenica, giorno centrale dei festeggiamenti, s’inizierà alle prime luci dell’alba con la 308ª edizione della fiera di San Giovanni elemosiniere, che si terrà nella zona industriale.
Oltre 300 provenienti da tutta la Puglia saranno ospitati nei grandi viali dell’area industriale fino alle ore 14. In serata nelle piazze principali della città ci sarà l’imbarazzo della scelta con diversi spettacoli itineranti: il gran Concerto lirico sinfonico Città di Fisciano che si esibirà sulla cassarmonica con l’esecuzione di brani del repertorio operistico con 4 cantanti lirici. Inoltre si esibirà la cover band ConVoi, tributo a Claudio Baglioni mentre le varie piazze centrali saranno presenti il gruppo Girovaghi di strada con musiche, suoni ed esibizioni. Le artistiche luminarie che addobberanno le quattro piazze principale saranno a cura delle pluripremiate ditte Santoro di Alessano e Decolux di Scorrano.
Lunedì gran finale con il concerto de Le Vibrazioni in piazza Umberto I, il noto complesso di musica leggera mentre martedì a sera, chiusura pirotecnica con lo spettacolo di fuochi d’artificio a cura delle ditte Lieto e Martella.

Ultime News

Nardò, Wonder Woman: corso di formazione per i dipendenti comunali

Sara D’Ostuni: “Formazione molto utile. Bisogna aggredire il gender gap a ogni livello” È partito ieri il corso di formazione...