11.2 C
Lecce
martedì, Luglio 23, 2024

5 luglio 1946 – 77 anni di bikini: moda, cultura e trasformazione sociale

Da Leggere

di Mema 

Esattamente 77 anni fa, il 5 luglio 1946, il mondo della moda fu rivoluzionato con l’introduzione del bikini, un capo di abbigliamento che avrebbe ridefinito i canoni di stile e libertà nel vestiario femminile. Inventato da Louis Réard, un ingegnere meccanico diventato stilista, il bikini fu presentato per la prima volta a Parigi, presso la piscina Molitor. Questo evento segnò l’inizio di una trasformazione culturale e sociale che avrebbe avuto un impatto duraturo su tutto il XX secolo e oltre.

L’ innovazione di Louis Réard

Louis Réard prese ispirazione dal costume da bagno a due pezzi già in uso negli anni ’30, ma decise di ridurre ulteriormente le dimensioni del capo, rendendolo ancora più audace e rivoluzionario. Il bikini di Réard era costituito da soli 194 centimetri quadrati di tessuto, molto meno rispetto ai costumi da bagno dell’epoca. Questa scelta audace portò a una reazione mista: da un lato, suscitò scandalo e polemiche; dall’altro, attirò l’attenzione dei media e del pubblico.

La prima modella e il nome iconico

Il bikini di Réard fu indossato per la prima volta da Micheline Bernardini, una ballerina del Casinò de Paris, poiché nessuna modella professionista accettò di indossare un capo così rivelatore. L’introduzione del bikini fu volutamente provocatoria: il nome stesso, “bikini”, fu scelto da Réard ispirandosi all’atollo di Bikini, luogo dei test nucleari statunitensi. Questo nome evocativo intendeva suggerire l’idea di un’esplosione, simbolizzando l’impatto esplosivo che il capo avrebbe avuto sulla società e sulla cultura popolare.

L’ accettazione e l’ evoluzione del bikini

Negli anni ’50, il bikini rimase un capo controverso e spesso bandito da molte spiagge e piscine pubbliche. Tuttavia, la crescente popolarità delle dive del cinema come Brigitte Bardot, che indossò il bikini nel film “E Dio creò la donna” (1956), contribuì a normalizzare e promuovere questo capo di abbigliamento. Negli anni ’60, con l’ondata di libertà e cambiamento sociale, il bikini divenne simbolo dell’emancipazione femminile e della rivoluzione sessuale.

Il Bikini nella cultura contemporanea

Oggi, il bikini è un capo di abbigliamento iconico e onnipresente, disponibile in innumerevoli stili, colori e materiali. È un simbolo di stile, libertà e personalità, indossato da donne di tutte le età e culture. La sua evoluzione ha accompagnato e riflettuto i cambiamenti della società, dalla lotta per l’uguaglianza di genere alla celebrazione della diversità e dell’individualità.

Il 77° anniversario del bikini ci offre l’opportunità di riflettere su come un semplice capo di abbigliamento possa avere un impatto così profondo sulla cultura e sulla società. Dall’audace presentazione di Louis Réard nel 1946 alla sua diffusione globale, il bikini rappresenta non solo un’innovazione di moda, ma anche un simbolo di cambiamento e progresso. Celebriamo quindi questo anniversario riconoscendo il bikini come un’icona di stile e un segno del potere della moda di influenzare e trasformare il mondo.


Ultime News

É stato presentato questa mattina a Palazzo Adorno “Salent.Eat – Street Food Festival” in programma a Taviano

É stato presentato questa mattina a Palazzo Adorno “Salent.Eat – Street Food Festival”, manifestazione organizzata dall’Associazione Neroghi “T. Carluccio”, in...