11.2 C
Lecce
martedì, Aprile 23, 2024

Viva la vita di provincia

Da Leggere

Flavio Carlino
Flavio Carlinohttp://ilgiornaledelsalento.it
Avvocato e Dottore Commercialista Pubblicista

Che bella la provincia, cuore antico del nostro Paese, fulcro dell’arretratezza, che nel terzo millennio ha imparato a vivere i mutamenti sociali in tempo reale, così come le metropoli. 

Perciò, oggi, al bar cambia anche il chiacchierio: non si parla più dei particolari piccanti della tresca dell’amico o del conoscente con la moglie del farmacista o dell’elettricista, né di quello che succedeva qualche anno dopo, ovverosia, le separazioni di quelle coppie e di quegli amici che erano stati scoperti dalle mogli.

Non fa più notizia nemmeno chi è stato costretto a vendere tutto il proprio patrimonio, nonché quello altrui, per via del gioco d’azzardo o della cocaina le cui “piste” sono  pari alla somma dei chilometri  delle autostrade di tutto il mondo; né chi si ubriaca oramai quotidianamente. Sembra che tutto sia entrato nella ordinarietà della vita quotidiana. 

La provincia si adegua alle notizie altisonanti: tizio è scappato con caio, un uomo, lasciando la famiglia, moglie e due figli. Bella la provincia dal cuore antico e un po’ arretrato, vecchia credenza di ricordi fanciulleschi. 

Ma i provinciali sono ormai moderni e non condannano più nessuno. Sono uomini di mondo, comprendono. E poi, ognuno è libero di vivere la propria vita come vuole. Certo, nonostante tutto,  resiste ancora la parte bigotta e moralista,  che si fa convincere con motivazioni molto semplici.

Ad ogni modo, moralismi a parte, che tipo di vita stiamo vivendo? Di cosa si tratta? Evoluzione, involuzione, mutamento sociale o trasformazione biologica? È vero, il mondo di ieri è finito. Ma questi continui cambiamenti dove portano? Si finisce di essere qualcuno per diventare qualcun altro. Perché? Forse perché il dogma della società attuale è tanto semplice quanto categorico e si può esprimere in tante varianti lessicali: ogni lasciata è persa, cogli l’attimo, prova, divertiti, non limitarti, la vita è breve, la vita va vissuta. 

In tale modo sembra che non ci sia nessuna alternativa. Invece l’alternativa c’è, eccome. La vita va, si, vissuta, ma dedicandola a qualcuno o a qualcosa. Ad una persona, ad una carriera, a Dio, agli altri. Una vita non dedicata, o senza dedizione, è una vita misera, meschina e, paradossalmente, grama, non vissuta, ma subita, non progettata, ma determinata dalle circostanze. 

Vivere senza un progetto di vita, senza un obiettivo, è inutile, equivale a non vivere. Certo, una vita dedicata può essere anche una vita vissuta. Ma in un continuo vivere e cambiare dove sono le certezze dell’essere? Nel vivere per i desideri, dov’è finita l’anima? Dov’è la stessa vita?

Quindi meglio dedicarla a qualcuno o a qualcosa questa vita. Ma a chi l’arduo compito di dirlo al bar? Io non lo dico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime News

San Giorgio, “cavaliere cavarcante cu’ la spada ‘ccidisti lu sarpente”

Su questo santo di origine orientale la Chiesa non dispone di notizie certe e tuttavia non ha vietato di...