11.2 C
Lecce
mercoledì, Giugno 19, 2024

25 aprile, il pediatra: “per ogni età c’è il giusto modo di raccontarlo”

Da Leggere

25 aprile data importante per gli italiani. E, come tutti gli anni, al centro in questi giorni di dibattiti, ricordi, commemorazioni. Ma come spiegarlo ai bambini che ci chiedono chiarimenti?Per ogni età c’è il giusto modo di raccontarlo, a seconda della fase evolutiva“, spiega all’Adnkronos Salute Italo Farnetani, docente di Pediatria dell’Università Ludes-United Campus of Malta.

Ai bambini di meno di 10 anni, per esempio – suggerisce il medico – direi semplicemente che in questo giorno è finita la guerra che veniva combattuta in Italia. Bisogna tener conto del fatto che in questa fascia di età i bambini ragionano per operazioni concrete, su ciò che vedono e che gli va spiegato nella sua concretezza. Possiamo raccontargli, quindi, che nel nostro Paese c’era una guerra come quelle che vedono in televisione e il 25 aprile se ne festeggia la fine“. Dagli 11 anni in poi, soprattutto a chi frequenta le scuole superiori, prosegue Farnetani, “si può parlare con i ragazzi dei contenuti ideali, politici, legati alla Festa della liberazione“. Mentre “dai 14 anni in su, “cioè quando l’adolescente entra nella fase delle ‘operazioni formali’, il discorso può ampliarsi ai concetti di pace, guerra, libertà, dittatura, diritti umani, cioè fare un discorso formativo. In questa fase dell’adolescenza, in cui predominano i concetti di bene e male, giustizia e ingiustiziasottolinea il pediatra – si fa strada una visione utopica della realtà. Gli adulti, considerando questa particolare fase dello sviluppo del ragionamento degli adolescenti, possono aiutare i ragazzi a fare un’analisi oggettiva di ciò che è avvenuto il 25 aprile perché possa partire da una valutazione storica, etica e politica dei fatti per farsi, autonomamente, un’idea precisa dell’origine e delle motivazioni del significato simbolico della data. Successivamente potrà esaminare i decenni successivi della storia della politica italiana“.

Un’informazione che tenga conto delle fasi evolutive, conclude Farnetani, è una modalità utile a fornire “all’adolescente strumenti per capire le problematiche alla radice. In caso contrario, si rischia di proporre concetti preconfezionati o di parte che non aiutano lo sviluppo della persona“.

Ultime News

Nardò, Wonder Woman: corso di formazione per i dipendenti comunali

Sara D’Ostuni: “Formazione molto utile. Bisogna aggredire il gender gap a ogni livello” È partito ieri il corso di formazione...