11.2 C
Lecce
martedì, Luglio 23, 2024

Il Burattino che ha incantato il mondo: i primi 142 anni di Pinocchio

Da Leggere

di Mema

Il  7 luglio 1881 è una data che risuona profondamente nella storia della letteratura italiana. In quel giorno di giovedì, esattamente 142 anni fa, Carlo Lorenzini, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Carlo Collodi, pubblicò le prime storie di Pinocchio. Questo evento segna la nascita di uno dei personaggi più amati e riconosciuti nel mondo della letteratura per ragazzi. E non solo.

La nascita di Pinocchio. Le avventure di Pinocchio apparvero per la prima volta sul Giornale per i bambini, un settimanale fondato e diretto da Ferdinando Martini, dedicato alla narrativa per l’infanzia. Collodi iniziò a scrivere le avventure del burattino di legno come una serie di racconti, non immaginando che sarebbero diventati un pilastro della letteratura mondiale.

Le prime pubblicazioni.  Il 7 luglio 1881, i lettori del Giornale per i bambini poterono leggere il primo episodio di quella che sarebbe divenuta una delle storie più celebri mai scritte. Il titolo originale era “La storia di un burattino” e narrava le vicende di un pezzo di legno che prende vita grazie all’abilità del falegname Geppetto. Il burattino, chiamato Pinocchio, si distingue subito per la sua vivacità e il desiderio di diventare un bambino vero, nonostante le sue inclinazioni alla disobbedienza e all’avventura.

Il successo e l’impatto culturale. Le storie di Pinocchio ottennero immediatamente un grande successo tra i giovani lettori, catturando l’immaginazione con le avventure fantasiose e i messaggi morali profondi. Il personaggio di Pinocchio, con le sue caratteristiche umane di curiosità, ingenuità e desiderio di crescita, divenne rapidamente un simbolo universale.

L’opera completa, “Le avventure di Pinocchio: Storia di un burattino”, venne pubblicata in forma di libro nel 1883 e divenne un successo internazionale. Tradotto in innumerevoli lingue, Pinocchio è stato reinterpretato attraverso vari media, inclusi teatro, cinema e televisione. La versione animata della Disney del 1940 è forse la più famosa, contribuendo ulteriormente alla fama del burattino.

Collodi e la sua eredità.  Carlo Collodi, nato a Firenze nel 1826, era un autore, giornalista e patriota. Prima di Pinocchio, aveva scritto altri libri per bambini, ma è proprio con il burattino di legno che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della letteratura. La sua capacità di intrecciare avventura e insegnamenti morali, senza mai risultare moralistico, ha reso le sue storie senza tempo.

Il 7 luglio 1881 non è solo una data, ma un punto di svolta nella storia della narrativa per l’infanzia. Le prime storie di Pinocchio, pubblicate quel giorno, hanno dato vita a un mito letterario che continua a influenzare generazioni di lettori in tutto il mondo.

A 142 anni di distanza, Pinocchio resta un simbolo di crescita, speranza e redenzione, dimostrando il potere duraturo della letteratura di toccare i cuori e le menti delle persone.

Ultime News

É stato presentato questa mattina a Palazzo Adorno “Salent.Eat – Street Food Festival” in programma a Taviano

É stato presentato questa mattina a Palazzo Adorno “Salent.Eat – Street Food Festival”, manifestazione organizzata dall’Associazione Neroghi “T. Carluccio”, in...