11.2 C
Lecce
giovedì, Giugno 13, 2024

Le buone e salutari abitudini per l’ inizio della nostra giornata

Da Leggere

Francesco Rizzo
Francesco Rizzo
Chef internazionale

Bere acqua calda e miele al mattino fa davvero bene?

Per molte persone è ormai un’abitudine per assicurarsi una buona riserva di energia e nutrienti preziosi.

Un bicchierino di acqua calda e miele appena svegli: per molte persone è ormai un’abitudine, un po’ come bere acqua e curcuma, olio extravergine di oliva o acqua e limone, un modo per assicurarsi una buona riserva di energia e nutrienti preziosi. Ma è davvero così? Alla domanda risponde la  biologa nutrizionista Concetta Montagnese, ricercatrice dell’Istituto di scienze dell’alimentazione «Non ci sono prove scientifiche che dimostrino che un bicchierino di acqua calda e miele, al mattino, sia un elisir di salute» puntualizza l’esperta. «Ma si tratta di un buon espediente per incoraggiare le persone a fare una scelta sicuramente salutare: bere acqua e idratarsi e consumare miele ogni giorno».

I benefici del miele

Il miele, infatti, come spiega la nutrizionista, è un prodotto naturale ricchissimo di proprietà.  Contiene 304 kcal per 100 grammi, ed è composto per l’80% da carboidrati,  in particolare zuccheri semplici, glucosio e fruttosio, e dal 20% circa di acqua. È inoltre una buona fonte di vitamine, sali minerali e polifenoli. A questi ultimi composti, il miele deve la sua attività antiossidante, riduce lo stress ossidativo a livello cellulare e i radicali liberi. Questa attività è molto importante per combattere diverse patologie croniche, dall’obesità alle patologie cardiovascolari, fino ai tumori.

Il miele ha anche un’attività antinfiammatoria, e sappiamo che il processo di infiammazione è presente in tantissime patologie. A livello intestinale, nutre i batteri buoni. Per queste sue caratteristiche, pur se è molto calorico, il miele può avere un effetto benefico anche sull’obesità, perché agisce sui tanti fattori che contribuiscono a peggiorare tale condizione.

L’esperta ci spiega che «il miele – secondo i risultati degli studi in vitro – ha un effetto protettivo sul tumore, perché ha la capacità di ridurre la proliferazione delle cellule tumorali e induce l’apoptosi, una forma di morte cellulare programmata delle cellule mutate. È anche un importante antibatterico, efficace contro l’helicobacter pylori, e protegge la mucosa gastrica e da diverse patologie gastrointestinali, Il miele, infine, è anche un buon sedativo per la gola».

Tuttavia, il fatto che sia costituito in buona parte da carboidrati impone di moderarne il consumo: le linee guida Oms invitano a ridurre gli zuccheri liberi (ovvero quelli aggiunti agli alimenti) a meno del 5% dell’apporto calorico totale giornaliero. Questo significa, per una persona che assume circa 1800 chilocalorie al giorno, un massimo di 20 grammi di zucchero, vale a dire 3 o 4 cucchiaini di miele nell’intera giornata (e nessun’altra fonte di zuccheri aggiunti).

L’importanza dell’idratazione

Secondo la nutrizionista, un bicchiere di acqua e miele può essere utile anche per migliorare l’idratazione: si tende sempre a bere meno di quanto sarebbe necessario(da un litro e mezzo a due di acqua al giorno), e un bicchiere di prima mattina può agevolare nel raggiungimento di questo traguardo” quotidiano. Il fatto che l’acqua venga scaldata può rappresentare un beneficio: se il miele viene sciolto in bevande moderatamente calde, i suoi benefici possono essere addirittura potenziati

Ultime News

Sant’Antonio di Padova: devozione popolare e consuetudini nel Salento

Sant’Antonio di Padova gode una profonda venerazione a Lecce ed in tutto il Salento; in passato, nel mondo rurale,...